House Ad
House Ad

Mediacenter24 - Foto

Ricerca libera

Scegli canale

Diana Vreeland, vita e stile per immagini al museo Fortuny di Venezia

Precedente
  • Diana Vreeland nel suo ufficio a "Vogue", 1965, foto di James Karales, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel (Abrams NY)
  • Ritratto di Cecilia Rattazzi
  • Diana Vreeland fotografata in Arizona da Louise Dahl-Wolfe durante la realizzazione del servizio di moda "Flight to the Valley of the Sun", in "Harper's Bazaar", gennaio 1942
  • Doppia pagina da "Vogue", 1 settembre 1965 : l'editoriale firmato Diana Vreeland in apertura del servizio "Paris: the news as we see it – a special Vogue report on the new French clothes" con accanto Benedetta Barzini in Grès, foto di Irving Penn, pp. 254-55
  • Doppia pagina da "Harper's Bazaar" con la rubrica "Why don't you…?": numero del dicembre 1936 (il primo anno in cui Vreeland lavora per "Bazaar")
  • Abito di Madeleine Vionnet (1925-1926) fotografato da Irving Penn per il saggio fotografico "Inventive Paris Clothes 1909-1939" (New York, The Viking Press, 1977) realizzato insieme a Diana Vreeland dopo la mostra "The 10s, The 20s, The 30s. Inventive Clothes 1909-1939", a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 13 dicembre 1973-3 settembre 1974)
  • Ensemble di Chanel (anni venti) fotografato da Irving Penn per il saggio fotografico "Inventive Paris Clothes 1909-1939" (New York, The Viking Press, 1977) realizzato insieme a Diana Vreeland dopo la mostra "The 10s, The 20s, The 30s. Inventive Clothes 1909-1939" a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 13 dicembre 1973-3 settembre 1974)
  • Ritratto di Cecilia Rattazzi, 1983
  • Ritratto di Diana Vreeland realizzato da Richard Avedon nel giungo 1977 e apparso sul numero di "Rolling Stone", 11 agosto 1977, per l'intervista "A Question of Style: A Conversation with Diana Vreeland" curata da Lally Weymouth
  • Diana Vreeland al lavoro con Marisa Berenson durante il periodo di "Vogue", foto di James Karales, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Diana Vreeland sul set per "Harper's Bazaar", 1946, foto di Richard Avedon, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Diana Vreeland sistema un manichino per la sua prima mostra al Met, la retrospettiva dedicata a Balenciaga, 1973, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Diana Vreeland con Marisa Berenson e Grace Mirabella, 1965, foto di James Karales, catalogo "Diana Vreeland: Immoderate Style" (curato da Koda e Martin, 1993)
  • Diana Vreeland, Dovima e Richard Avedon per "Harper's Bazaar", luglio 1955, foto di Richard Avedon, catalogo "Diana Vreeland: Immoderate Style" (curato da Koda e Martin, 1993)
  • Diana Vreeland nel suo appartamento newyorkese, 1979, foto di Jonathan Becker, catalogo "Diana Vreeland: Immoderate Style" (curato da Koda e Martin, 1993 )
  • Diana Vreeland nel suo appartamento newyorkese (il "Garden in Hell" realizzato da Billy Baldwin), 1979, foto di Jonathan Becker, catalogo "Diana Vreeland: Immoderate Style" (curato da Koda e Martin, 1993)
  • Diana Vreeland, 1979, foto di Horst, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Diana Vreeland nel suo ufficio a "Vogue", 1965, foto di James Karales, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Diana Vreeland, fine anni trenta-primi anni quaranta, foto di George Hoyningen-Huene, tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Diana Vreeland durante gli anni di "Vogue", tratta dal libro di Lisa Immordino "Vreeland - The eye has to travel" (Abrams NY)
  • Costume indossato da Cher per "The Sonny and Cher Comedy Hour" e realizzato da Bob Mackie (1973-1974), fotografato da Keith Trumbo per il libro di Dale McConathy con Diana Vreeland, "Hollywood Costume. Glamour! Glitter!" Romance!, New York, Harry N. Abrams, 1976, realizzato dopo la mostra "Romantic and Glamorous Hollywood Design" a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 21 dicembre 1974-31 agosto 1975)
  • Gruppo di costumi (fra cui si riconoscono quelli indossati da Judy Garland e Lana Turner), fotografati da Keith Trumbo per il libro di Dale McConathy con Diana Vreeland, "Hollywood Costume. Glamour! Glitter! Romance!", New York, Harry N. Abrams, 1976, realizzato dopo la mostra "Romantic and Glamorous Hollywood Design" a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 21 dicembre 1974-31 agosto 1975)
  • Gruppo di costumi degli attori non protagonisti del film "Il pirata" (1948) realizzati da Irene Sharaff, fotografati da Keith Trumbo per il libro di Dale McConathy con Diana Vreeland, "Hollywood Costume. Glamour! Glitter! Romance!", New York, Harry N. Abrams, 1976, realizzato dopo la mostra "Romantic and Glamorous Hollywood Design" a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 21 dicembre 1974-31 agosto 1975)
  • Costume indossato da Joan Crawford in "The Bride Wore Red" (1937) realizzato da Adrian, fotografati da Keith Trumbo per il libro di Dale McConathy con Diana Vreeland, "Hollywood Costume. Glamour! Glitter! Romance!", New York, Harry N. Abrams, 1976, realizzato dopo la mostra "Romantic and Glamorous Hollywood Design" a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 21 dicembre 1974-31 agosto 1975)
  • Costume di Cecil Beaton per Audrey Hepburn in "My Fair Lady" (1964), fotografato da Keith Trumbo per il libro di Dale McConathy con Diana Vreeland, "Hollywood Costume. Glamour! Glitter! Romance!", New York, Harry N. Abrams, 1976, realizzato dopo la mostra "Romantic and Glamorous Hollywood Design" a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 21 dicembre 1974-31 agosto 1975)
  • Cappottino dalla collezione Yves Saint Laurent autunno-inverno 1969, foto di Duane Michals per Yves Saint Laurent, catalogo della mostra a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 14 dicembre 1983-2 settembre 1984), New York, The Metropolitan Museum of Art, 1983
  • Completo dalla collezione Yves Saint Laurent primavera-estate 1962, foto di Duane Michals per Yves Saint Laurent, catalogo della mostra a cura di Diana Vreeland (New York, The Costume Institute at The Metropolitan Museum of Art, 14 dicembre 1983-2 settembre 1984), New York, The Metropolitan Museum of Art, 1983
  • Cristóbal Balenciaga, abito da sera in satin nero con tulle decorato da paillettes e applicazioni di perline di vetro, 1964 foto di Manuel Outumuro per il Cristóbal Balenciaga Museo di Getaria (Spagna)
  • Cristóbal Balenciaga, abito da sera in satin nero con tulle decorato da paillettes e applicazioni di perline di vetro, 1964 foto di Manuel Outumuro per il Cristóbal Balenciaga Museo di Getaria (Spagna)
  • Cristóbal Balenciaga, bolero in velluto nero decorato con motivi vegetali e frange in perline, 1946, foto di Manuel Outumuro per il Cristóbal Balenciaga Museo di Getaria (Spagna)
Successivo
Immagine 1 di 30

PARTECIPA

Voti  

Pubblicità